Motore Gilera 8 Bulloni

HOME

 

 
Questa pagina è dedicata al recupero del motore dell'amico Bruno...
 
Ovviamente Bruno mi dice "mi dai una mano col motore dell'8bulloni ?
ed io ci casco un'altra volta e rispondo di si!
 
arriva e scarica il motore..... o per lo meno quello che secondo i miei calcoli doveva essere un motore ed invece è la solita cassa piena di pezzi smontati chissà quando...
... e chissà pure se ci sono tutti!
Insomma, siamo alle solite !
 
Il gruppo termico era stato accuratamente pulito, forse sabbiato, fatto sta che col passare del tempo si è ossidato Il cilindro ha pure un'aletta spaccata
Il coperchio della primaria ha un'asola rotta, che oltretutto era stata accuratamente limata Viene ricostruita nel migliore dei modi e poi si lucida il tutto !
Oserei definire quasi drammatico lo stato di camme e "martelletti"
 
qui è tutto da buttare !
Procediamo smontando il basamento... Appena tolto il pignone della primaria col parastrappi vediamo subito qualcosa che non ci piace... Sembra che il carter in corrispondenza dell'uscita dell'albero sia piuttosto malridotto comunque vedremo meglio più avanti, finiamo di aprire il basamento dentro al quale altro non c'è se non l'albero motore (hai detto tutto, pesa una tonnellata!)
Albero e carter hanno già i loro bei problemi:

l'albero presenta una vistosa spaccatura e ci rendiamo subito conto che così è inutilizzabile, salviamo la biella e (forse) i perni ma i volani vanno sostituiti

I carter di questa moto sono bassi data la ridotta luce a terra e sono sporgenti (si chiama "coppa larga"!) quindi si prestano ad urti di ogni genere e questi colpi sfociano poi in queste fessure, speriamo che non ci siano trafilaggi d'olio ma una "saldatina" all'interno, primo di richiudere, sarà meglio darla
La sede del cuscinetto di banco lato pignone è decisamente rovinata

il pesantissimo albero motore in questo foro passa molto preciso e probabilmente in seguito ad usura dei cuscinetti di banco aveva cominciato ad oscillare arrivando presto a spaccare tutto attorno

Diamo un'occhiata alla dinamo:

la piastra che sostiene il regolatore elettromeccanico è spaccata, ma si era già deciso di montare comunque un nuovo regolatore elettronico

inoltre la presenza di questa "melma" all'interno della dinamo tradisce un problema abbastanza comune in questi motori: trafila olio dal basamento Dato che lo spessore del materiale lo consente pratichiamo una fresatura e inseriamo un paraolio sull'uscita dell'albero che muove il gruppo dinamo/magnete: problema trafilaggio risolto !
Anche il magnete all'interno non è proprio a posto
La presenza del condensatore originale ci dice che questo magnete con tutta probabilità non è mai stato revisionato
 
Pulito, sostituiti il condensatore ed entrambi i cuscinetti, è pronto da rimontare appena la carcassa sarà stata ripulita e riverniciata.
 
Ovviamente una volta rimontato andrà ri-magnetizzato  

 
Finalmente arrivano i pezzi lavorati dalle varie officine e possiamo iniziare a rimontare!
 
Primo fra tutti i carter motore
 
La sede del cuscinetto di banco è stata riempita di saldatura TIG, quindi lavorata a macchina e "imboccolata"
Inoltre sono stati rifatti tutti i piani per migliorare gli accoppiamenti sia tra i due semicarter e tra carter e base cilindro
Per quanto riguarda l'albero motore le immagini parlano da sole ! La biella originale è stata mantenuta, ovviamente ripristinando imbiellaggio e bronzina sullo spinotto
Quanto alla distribuzione.... asse a camme, martelletti e perni nuovi e bronzina nuova anche all'interno dell'ingranaggio di rinvio verso il magnete che era molto consumata
A questo punto non resta che iniziare a rimontare e chiudere il basamento
 
 
quindi si monta il nuovo pistone (fatto realizzare appositamente per questo motore)
Al cilindro è stata ricostruita l'aletta spezzata, quindi è stato verniciato con apposita vernice per alte temperature e si realizza una guarnizione per la sua base si può quindi metterlo al suo posto e stringere definitivamente i fin troppo famosi "8 bulloni" che lo terranno fisso al basamento
La verniciatura della testata ha bisogno di alcuni "preliminari" un po' più lunghi per chiudere tutte le aperture verso l'interno dopodichè si è potuta verniciare e riaprire
E' poi sufficiente poggiarla sul cilindro per iniziare a vedere la monumentale sagoma di questo possente motore prendere forma !
Adesso bisogna occuparsi del cambio che, a dirla tutta, è rimasto un po' nel dimenticatoio !
Togliamo subito il coperchio esterno e già vediamo una "bellissima" molla di ritorno della messa in moto Il secondo coperchio, quello che ci separa dalla scatola degli ingranaggi vera e propria, ci fa tribolare un po' di più per colpa di questo prigioniero molto ossidato Ne veniamo comunque a capo e il coperchio si toglie
All'interno del coperchio si vede ruggine sui cuscinetti ed anche sugli ingranaggi c'è ruggine mischiata al (pochissimo) lubrificante rimasto Mi viene il sospetto che in questo cambio in passato ci sia stata dell'acqua!
L'ingranaggio della presa diretta viene via assieme al suo cuscinetto.

Qui di ruggine ce n'è veramente tanta!

La tesi dell'acqua viene ulteriormente avvalorata dallo stato del paraolio verso il pignone della trasmissione. Paraolio che bisognerà tassativamente sostituire!
Per togliere da laggiù in fondo il cuscinetto dell'albero secondario bisogna industriarsi un po'... Per quello dell'ingranaggio presa diretta l'operazione invece è più "standard"
I danni operati dall'acqua sono particolarmente evidenti sul pignone della catena di trasmissione

Mettere un paraolio nuovo a lavorare su quella grattugia significherebbe consumarlo in poco tempo.

Ripiego su un paraolio "commerciale" con il foro più grande rispetto a quello originale.

Questo mi consente di realizzare una boccola e di inserirla nel pignone per interferenza. La tenuta, almeno su questo fronte, è assicurata.

La pulizia della scatola ci fa apprezzare quanto l'acqua abbia "lavorato" anche da queste parti
Acqua o no, mettiamo i cuscinetti nuovi e montiamo l'ingranaggio della quarta marcia, con il paraolio nuovo
Smontiamo e diamo una pulita anche al pre-selettore
 
 
La catena della primaria sarà meglio sostituirla !
Manca un po' di documentazione fotografica delle fasi intermedie comunque il motore viene ulteriormente completato

ed il cambio, una volta chiuso, è posizionato sulla sua "mensola" nella parte posteriore del basamento...

Ancora pochi ulteriori dettagli e finalmente siamo pronti per sentirlo in moto !
 
Purtroppo non abbiamo qui la marmitta quindi.... posso assicurarvi che si sente, eccome !